Descrittori del comportamento e valutazione

DESCRITTORI DEL COMPORTAMENTO

VOTO 10

  • Autocontrollo costante, consapevole, responsabile
  • Senso di responsabilità costante, consapevole, frutto di un processo di interiorizzazione delle regole di civile convivenza
  • Interesse e impegno costante, approfonditi e proficui
  • Collaborazione costante, produttiva, ricca di apporti originali
  • Frequenza assidua

VOTO 9

  • Autocontrollo costante e consapevole
  • Senso di responsabilità consapevole, costante, concreto
  • Interesse/impegno costanti e proficui
  • Collaborazione costante e produttiva
  • Frequenza assidua

VOTO 8

  • Autocontrollo complessivamente costante
  • Senso di responsabilità costante e consapevole
  • Interesse/impegno nel complesso costanti e proficui
  • Collaborazione costante e globalmente proficua
  • Frequenza complessivamente assidua

VOTO 7

  • Autocontrollo non sempre esercitato
  • Senso di responsabilità non sempre consapevole
  • Interesse/impegno poco costanti
  • Collaborazione discontinua
  • Frequenza regolare/discontinua

VOTO 6

  • Autocontrollo sollecitato e comunque discontinuo
  • Senso di responsabilità superficiale
  • Interesse/impegno discontinui
  • Collaborazione incostante e/o superficiale
  • Frequenza regolare/discontinua

VOTO 5 *

  • Autocontrollo scarso/molto limitato
  • Senso di responsabilità scarso/molto limitato
  • Interesse e impegno molto saltuari
  • Collaborazione molto saltuaria/occasionale/improduttiva
  • Frequenza regolare/discontinua/saltuaria

* La valutazione del comportamento con voto numerico inferiore a sei decimi deciso dal Consiglio di classe per i casi di cui al Decreto Ministeriale n.5 del 16 gennaio 2009 (gravi violazioni dei doveri degli studenti definiti dallo Statuto delle studentesse e degli studenti con sospensione dalle lezioni per periodi superiori ai quindici giorni) comporta la non ammissione all’anno successivo o all’Esame di Stato.

 

Griglia di valutazione dei traguardi di apprendimento

Le griglie di valutazione, prima ancora di essere strumenti utili al docente nella valutazione del percorso di apprendimento degli allievi, sono un prezioso contributo alla chiarezza e alla trasparenza della comunicazione fra docenti e alunni. Conoscendo la griglia di valutazione, l’alunno ha, infatti, la possibilità di rendersi conto di quali sono gli obiettivi del proprio lavoro, di riflettere sulla propria preparazione, di correggere errori di impostazione. In questo modo l’alunno non interpreta una valutazione negativa come un giudizio negativo complessivo, ma come un importante riscontro sulla correttezza ed efficacia del proprio lavoro.

La griglia sotto riportata può essere utilizzata dai docenti di ogni disciplina per valutare processo e prodotto dell’apprendimento di ogni alunno, attraverso le prove di verifica iniziali o in itinere, scritte/ orali e grafiche; e può essere socializzata agli alunni affinché costituisca utile strumento di autovalutazione.

TUTTE LE DISCIPLINE- SEZIONE C: Livelli di padronanza

LIVELLO

VOTO

CONOSCENZE – ABILITA’ – COMPETENZE

AVANZATO

10
*
100%

L'allievo sa e sa fare; è in grado di spiegare come ha proceduto e perché ha scelto un determinato percorso, perciò verifica e valuta quanto appreso ed il proprio operato. Comunica i risultati del suo studio con proprietà terminologica e sviluppa le proprie conoscenze con ulteriori ricerche, rielaborandole criticamente per raggiungere nuove mete formative e cognitive.

AVANZATO

9
*
90-99%

L'allievo dimostra conoscenze, competenze e capacità grazie alle quali affronta variamente situazioni nuove; procede con metodo di lavoro autonomo; utilizza un linguaggio specifico e appropriato per illustrare processo e prodotto dell'apprendimento ed è capace di utilizzare quanto appreso in altri contesti e situazioni formative.

INTERMEDIO

8
*
80-89%

L'allievo mostra buone conoscenze e adeguate competenze per affrontare variamente situazioni in parte nuove; procede con una certa autonomia di lavoro; è capace di spiegare con un linguaggio corretto e appropriato processo e prodotto dell'apprendimento, utilizzando quanto appreso in contesti diversi.

INTERMEDIO

7
*
70-79%

L'allievo sa utilizzare le proprie conoscenze in modo adeguato allorché affronta situazioni d'apprendimento simili tra loro o solo parzialmente variate; è capace di spiegare e rivedere il proprio percorso d'apprendimento, comunicandone i risultati con un linguaggio generalmente corretto. Procede con sufficiente autonomia nell'organizzazione dello studio.

BASE

6
*
60-69%

L'allievo possiede conoscenze e competenze indispensabili a raggiungere gli obiettivi minimi di apprendimento. Si muove solo in contesti noti, ovvero riproduce situazioni che già conosce, ma necessita di indicazioni per affrontare situazioni parzialmente variate. Comunica i risultati dell'apprendimento in modo semplice con un linguaggio sufficientemente corretto.

BASSO

5
*
45-59%

L'allievo è impreciso rispetto a quanto sa e sa fare; necessita di sollecitazioni e di indicazioni per perseguire gli obiettivi di apprendimento. Non è ancora in grado di organizzare al meglio le conoscenze acquisite, né di ricostruire il percorso del proprio lavoro. Comunica i risultati dell'apprendimento con linguaggio poco corretto e limitata proprietà lessicale.

MOLTO BASSO

4
*
0-44%

L'allievo svolge le attività di apprendimento in maniera disordinata e improduttiva , mostrando di possedere conoscenze frammentarie e superficiali e di utilizzarle in modo impreciso e approssimato. Ha una forte difficoltà di organizzazione dei dati e usa in modo scorretto i linguaggi specifici.

* Criteri percentuali di valutazione da utilizzare nella correzione delle prove strutturate.